Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Cappella di Sant'Anna

Diocesi di Torino ( sec. XIX; XIX )

Via Sant'Anna, 10072, Caselle Torinese, fraz. Sant'Anna, Torino

Il complesso della cascina di Sant’Anna, sede di frequenti soggiorni da parte di don Bosco, si colloca tra Caselle e Leinì, al centro di una vasta area agricola. Anticamente la regione, denominata Rivatera, era completamente coperta di boschi. Il nucleo originario della cascina era già composto di due corpi di fabbrica allineati, che ancora oggi caratterizzano il prospetto nord del complesso.
La cappella, dedicata a Sant’Anna, era originariamente di piccole dimensioni, corrispondenti all’attuale zona dell’altare e conserva ancora sulla volta a botte gli affreschi originari. Nel 1843 il sito raggiunse l’attuale splendore con l’ampliamento verso levante di una navata a pianta quadrata e due cappelle laterali.
La facciata, in stile neoclassico, è caratterizzata da lesene sormontate da un timpano triangolare.
L’interno della cappella è interamente affrescato con decori rappresentanti finti elementi architettonici in rilievo, che terminano sulla cupola con un finto soffitto loggiato a cielo aperto. La chiesa è impreziosita da arredi sacri tra cui spiccano il tempietto che racchiude il ciborio, posto sopra l’altare maggiore, in legno finemente scolpito, il pulpito barocco e la pala della Sacra Famiglia del pittore torinese Nanni Del Mastro. Dell’antico complesso si conserva oggi solo la cappella, presso la quale nel mese di luglio si tengono ogni anno feste e celebrazioni in onore di Sant’Anna.

I soggiorni di don Bosco presso Cascina Sant’Anna

Intorno agli anni Quaranta dell’Ottocento la proprietà del complesso di cascina Sant’Anna passò nelle mani del barone Carlo Giacinto Bianco di Barbania. Il barone ebbe modo intorno al 1850 di conoscere personalmente don Giovanni Bosco. Affascinato dal grande progetto del Santo divenne ben presto grande sostenitore della sua causa. Già nel 1858 don Bosco soggiornò presso la villa e le cronache del tempo raccontano di frequenti soggiorni fino al 1878.
Alla sua morte, il barone Bianco, lasciò per volontà testamentaria, don Bosco unico erede universale dei suoi ingenti possedimenti, tra cui la tenuta casellese, che verrà progressivamente venduta per finanziare l’opera dei salesiani nel mondo.

Link esterni
Approfondimenti
Lun-Dom chiuso

La cappella è occasionalmente aperta

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Sab -
Dom 09:00

La Santa Messa si celebra esclusivamente la prima domenica del mese da giugno a settembre

Info

cattedrale
Cattedrale di Torino
diocesi
Torino
tipologia edificio
Antiche cappelle
indirizzo
Via Sant'Anna, 10072, Caselle Torinese, fraz. Sant'Anna, Torino
cel
3398721044

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
sconosciuto
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

DOVE DORMIRE NELLE VICINANZE

OPEN 011

CORSO VENEZIA 11, TORINO, 10147, TO

OSTELLO

011250535 info@open011.it

Leggi tutto

Ospiteria dell'Arsenale della Pace

Via San Pietro in Vincoli 24, Torino, 10152, TO

Casa per ferie

011 4368566 ospiteria@sermig.org

Leggi tutto

CASA MAMMA MARGHERITA

VIA MARIA AUSILIATRICE 32, TORINO, 10152, TO

CASA PER FERIE

0115224639 accoglienza@valdocco.it

Leggi tutto

© 2013 2020 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl