Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Chiesa della SantissimaTrinità

Diocesi di Casale Monferrato ( sec. XVII; XVIII )

via Roma, 14023 Cocconato (AT)

La chiesa della Santissima Trinità venne eretta nel 1617 in vicinanza della porta detta di Mercato Vecchio, l’attuale via Roma, per voto della popolazione contro la peste. Rappresentava la chiesa della Confraternita della SS. Trinità, già attestata nel 1632.
La costruzione dell’edificio si protrasse per decenni e venne ultimato solo nel 1667. Nella seconda metà del Settecento furono costruiti il porticato laterale, addossato a sud-est, e la sacrestia. L’attuale facciata venne completamente rifatta e modificata tra fine Settecento e inizio Ottocento. È delimitata da due lesene ornate da cornici sagomate su cui poggia il frontone triangolare. Ai lati della porta si aprono due strette finestre con architrave triangolare. Sopra la bussola d’ingresso è collocato il coro, sostenuto da mensole lignee.
Il porticato è costituito da tre campate collegate da archi a tutto sesto e coperte da volte a vela. Il campanile, situato all’angolo sud-est della navata, è a base quadrata, formato da due registri sovrapposti e copertura piramidale.
L’edificio è a unica navata, formata da due campate contigue, separate da lesene su mensole; la volta a botte, intervallata da lunette e costoloni, è completamente affrescata con scene raffiguranti San Giuseppe, il San Giovanni Maria Battista Vianney (il Curato d’Ars) e il Santissimo Sacramento; autore dei dipinti è Carlo Antonio Martini (1863).
L’altare maggiore, attribuibile a un artigiano valsesiano della seconda metà del XVII secolo, fu realizzato per altra chiesa e successivamente riadattato. Ha una pala con l’incoronazione della Vergine attribuita alla bottega del Moncalvo; il paliotto è opera di Giacomo Solari (1737).

La Trinità è la dottrina centrale delle più diffuse chiese cristiane, quali la cattolica e quelle ortodosse, oltre che delle Chiese riformate storiche come quella luterana, quella calvinista e quella anglicana. La dottrina si è precisata nell'ambito del Cristianesimo antico: prima nel credo del primo concilio di Nicea (325), poi nel credo niceno-costantinopolitano (381), dove venne affermato come primo articolo di fede l'unicità di Dio e, come secondo, la divinità di Gesù Cristo figlio di Dio e Signore,[5] a seguito, tra le altre, della controversia suscitata dal teologo Ario, che negava quest'ultima. Il dogma della "trinità" è in relazione alla natura divina: esso afferma che Dio è uno solo, unica e assolutamente semplice è la sua "sostanza", ma comune a tre "persone" (o "ipòstasi") della stessa numerica sostanza (consustanziali) e distinte. Ciò non va interpretato come se esistessero tre divinità (politeismo) né come se le tre "persone" fossero solo tre aspetti di una medesima divinità (modalismo). Le tre "persone" (o, secondo il linguaggio mutuato dalla tradizione greca, "ipòstasi") sono in effetti ben distinte ma formate della stessa sostanza: Dio Padre, creatore del cielo e della terra, Padre trascendente e celeste del mondo; il Figlio: generato dal Padre prima di tutti i secoli, fatto uomo nella persona di Gesù Cristo nel seno della Vergine Maria, il Redentore del mondo; lo Spirito Santo che è l'"amore" perfetto e divino (in greco agàpe) che il Padre e il Figlio mandano ai discepoli di Gesù per far loro comprendere e testimoniare le verità rivelate. Al mistero della "trinità" è dedicata, nella Chiesa cattolica, la solennità della Santissima Trinità, che ricorre ogni anno, la domenica successiva alla Pentecoste. Il termine "trinità" deriva dal latino trīnĭtas-ātis (a sua volta da trīnus = di tre, aggettivo distributivo di trēs, 'tre') e sembra che fu utilizzato per la prima volta da Papa Alessandro I in una lettera enciclica scritta tra il 105 ed il 115 d.C.; l'analogo greco τριας (triás) compare precedentemente in Teofilo di Antiochia (morto nel 181 d.C.). Se il termine "trinità" non è certamente antecedente al II secolo, la nozione che rappresenta sembrerebbe invece apparire già a partire dal Vangelo di Matteo.

Link esterni
Approfondimenti
Lun-Dom chiuso

La chiesa è visitabile contattando il parroco don Igor al3389716209

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Info

cattedrale
Cattedrale di Casale Monferrato
diocesi
Casale Monferrato
tipologia edificio
Chiese e comunità parrocchiali
indirizzo
via Roma, 14023 Cocconato (AT)
tel
0141907081
cel
3389716209
web
parrocchia.cocconato@liber

Servizi

accessibilità
parziale
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
true
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

DOVE DORMIRE NELLE VICINANZE

CARMELO “MATER UNITATIS”

REGIONE VILLA PUZZI 1, MONTIGLIO MONFERRATO , 14026, AT

FORESTERIA

0141994055

Leggi tutto

ISTITUTO BERNARDI SEMERIA - CENTRO ACCOGLIENZA GIOVANI

COLLE DON BOSCO, FRAZIONE MORIALDO 30, CASTELNUOVO DON BOSCO, 14022, AT

OSTELLO

0119877111 info@colledonbosco.it

Leggi tutto

CASA del PELLEGRINO

VIA S. GIOVANNI BOSCO 30, VILLANOVA d'ASTI, 14100, AT

CASA PER FERIE

0141948447 cdelpellegrino.villanova@gmail.com

Leggi tutto

© 2013 2021 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl - Informativa privacy