Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Chiesa di S. Bartolomeo - Montechiaro (AT)

Diocesi di Asti ( sec. XIV; XVIII; XIX )

Via Piesenzana, 1 - 14025 Montechiaro d'Asti

La chiesa di San Bartolomeo, chiesa sussidiaria dal 1984 a seguito dell'unificazione della parrocchia di San Bartolomeo con Santa Caterina, è posta nel centro del borgo antico, accanto alla torre civica ed a pochi metri dalla chiesa parrocchiale di Santa Caterina; l'edificio conserva testimonianze architettoniche della sua origine medioevale sui muri esterni - archi ogivali e contrafforti - e testimonianze pittoriche all'interno - lacerti di affreschi.
Nel Settecento veniva descritta «in stile gotico puro, e tutta ricca di affreschi intorno»; si presentava a forma di quadrilatero, a tre navate, divise da pilastri circolari. Intorno al 1754 su iniziativa del parroco Leonardo Bongano fu ampliata, dotata di un coro nel luogo dove sorgeva il cimitero e di una nuova sacristia; furono innalzate le volte e rifatta la facciata, che subì ulteriori interventi nel 1870 quando fu dotata di un secondo ordine; la facciata è definita da lesene e cornici poco aggettanti, ed è movimentata da un portale novecentesco in cemento che imita le soluzioni proposte dal barocco piemontese.
L’interno è composto da tre navate delimitate da pilastri che sorreggono le volte a botte illuminate da ampie finestre, mentre sull’altare maggiore si trova un cupolino realizzato nel 1770 per volontà del mercante Ignazio Santriero. Gli affreschi delle volte sono opera del granese Anacleto Laretto che li eseguì nel 1914 su commissione dell’allora parroco don Luigi Bo.
L’altare maggiore in marmi policromi venne consacrato nel 1757; precedentemente era addossato alla parete di fondo e doveva ospitare la grande pala d’altare, già documentata nel 1635, ora collocata nel coro, raffigurante la Madonna con il Bambino, san Nazario, san Bernardo da Mentone, san Bartolomeo, san Gregorio Magno - primo quarto del XVII secolo, attrib. Caccia Guglielmo. La tela è completata da una decorazione in stucco dorato nella quale è inserita l’immagine della Madonna del Buon Consiglio, inquadrata da una sontuosa cornice lignea, attribuita a Francesco Maria Bonzanigo, eseguita intorno al 1760.
Alla parete sinistra del presbiterio è visibile il dipinto della Pentecoste, ispirato al classicismo romano, attrib. Giovanni Comandù, riferibile al 1785-1795 circa, proveniente verosimilmente dalla chiesa di Santa Maria Maddalena sul finire del XIX sec. Lungo le mura perimetrali è disposta la Via Crucis, firmata da Giovanni Morelli e datata al 1735, ciclo donato dall’artista all’allora parroco.

Nota:
Le foto degli interni sono di Franco Rabino, tratte dal libro strenna "Tra gotico e neogotico - Le chiese parrocchiali astigiane", Banca C.R. Asti, 2012.

La festa di San Bartolomeo cade il 24 agosto; nella chiesa a lui intitolata l’ancona absidale seicentesca rappresenta la Madonna con Gesù tra San Bartolomeo [riconoscibile dal coltello], San Nazario, San Bernardo da Mentone e San Gregorio Magno. Bartolomeo, identificato con Natanaele, fu apostolo di Gesù e poi martire; nato nel I secolo a Cana di Galilea morì verso la metà del I secolo probabilmente in Siria, scorticato vivo e poi crocifisso dai pagani. Predicatore itinerante - in Armenia, India e Mesopotamia - dopo la morte di Gesù, divenne famoso per la sua facoltà di guarire i malati e gli ossessi.

Dal Vangelo secondo Giovanni 1,47-51
In quel tempo, Gesù, visto Natanaele che gli veniva incontro, disse di lui: “Ecco davvero un Israelita in cui non c’è falsità”. Natanaele gli domandò: “Come mi conosci?” Gli rispose Gesù: “Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto il fico”. Gli replicò Natanaele: “Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele!”. Gli rispose Gesù: “Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto il fico, credi? Vedrai cose maggiori di queste!” Poi gli disse: “In verità, in verità vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sul Figlio dell’uomo”.

Approfondimenti
Lun chiuso
Mar 08:30 - 12:00
Mer-Ven chiuso
Sab 08:30 - 12:00
Dom chiuso

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Ven -
Sab 18:30
Dom -

Info

cattedrale
Cattedrale di Asti
diocesi
Asti
tipologia edificio
Chiese e comunità parrocchiali
indirizzo
Via Piesenzana, 1 - 14025 Montechiaro d'Asti
tel
0141999183

Servizi

accessibilità
parziale
accoglienza
true
didattica
sconosciuto
accompagnamento
sconosciuto
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

DOVE DORMIRE NELLE VICINANZE

CARMELO “MATER UNITATIS”

REGIONE VILLA PUZZI 1, MONTIGLIO MONFERRATO , 14026, AT

FORESTERIA

0141994055

Leggi tutto

ISTITUTO BERNARDI SEMERIA - CENTRO ACCOGLIENZA GIOVANI

COLLE DON BOSCO, FRAZIONE MORIALDO 30, CASTELNUOVO DON BOSCO, 14022, AT

OSTELLO

0119877111 info@colledonbosco.it

Leggi tutto

CASA del PELLEGRINO

VIA S. GIOVANNI BOSCO 30, VILLANOVA d'ASTI, 14100, AT

CASA PER FERIE

0141948447 cdelpellegrino.villanova@gmail.com

Leggi tutto

© 2013 2021 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl - Informativa privacy