Logo-orizzontale

Museo d'Arte Religiosa Padre Mozzetti

Diocesi di Novara

Il museo ha sede nella chiesa parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo apostoli, realizzata nel 1858 su progetto di Alessandro Antonelli. Esso esiste dal 1970 e venne istituito da padre Augusto Mozzetti.

Read all

Museo parrocchiale di Campertogno

Diocesi di Novara

Adiacente alla monumentale chiesa di Campertogno è ben distribuito in accoglienti sale espositive dell’edificio parrocchiale il Museo della Parrocchia, realizzato per volontà del compianto parroco don Pier Cesare De Vecchi, illuminata figura di sacerdote.

Read all

Oratorio di San Giovanni Battista in Cravegna

Diocesi di Novara ( sec. XIV; XVI; XVII )

Sorto poco dopo la metà del 1600. Slanciato e luminoso, una volta arricchita di pregevoli decorazioni pittoriche, sede di una antica Confraternita, devota di S. Giovanni.

Read all

Pieve di Santa Maria (Novi Ligure)

Diocesi di Tortona ( sec. XII; XV; XVI )

La pieve di Santa Maria a Novi Ligure (AL) risale al XII secolo. Ampiamente rimaneggiata nel corso dei secoli, al suo interno conserva un affresco dei Boxilio.

Read all

Precettoria di Sant’Antonio di Ranverso

Diocesi di Susa ( sec. XII )

Precettoria di Sant’Antonio di Ranverso. Sorse nel 1188 per volere dei canonici dell’ordine di Sant’Antonio di Vienne, i quali si dedicarono all’assistenza dei pellegrini e alla cura dei malati.

Read all

San Dalmazio (Quargnento)

Diocesi di Alessandria ( sec. XI; XIII; XVI )

La prima chiesa di San Dalmazio fu consacrata da Papa Pasquale II nell'anno 1110. Distrutta dal Barbarossa, fu ricostruita dal 1270, per concludere le navate laterali solo fra il 1560-1576. Ha un'originale facciata neo-gotica a fasce.

Read all

San Felice (Frugarolo)

Diocesi di Alessandria ( sec. XII; XVI; XX )

La parrocchiale di San Felice, di struttura romanica con influssi gotici, è stata recentemente ricostruita dopo il crollo del campanile e di parte della chiesa nel 1980. La chiesa contiene sette tavolette dipinte da Gandolfino da Roreto.

Read all

San Martino (Castellazzo B.da)

Diocesi di Alessandria ( sec. XII; XIV; XX )

La chiesa di San Martino è probabilmente la più antica di Castellazzo Bormida, fondata certamente prima del Mille. Nel 1929 la chiesa viene pesantemente restaurata e riportata al presunto aspetto iniziale.

Read all

San Perpetuo (Solero)

Diocesi di Alessandria ( sec. XII; XVIII; XX )

La chiesa parrocchiale di S. Perpetuo, di origine romanico-gotica, presenta un notevole spazio interno a cinque navate con una cupola di forma ellittica. Allo stato attuale, l’edificio è frutto di un intervento di ristrutturazione del secolo XVIII.

Read all

Santa Maria del Carmine (Alessandria)

Diocesi di Alessandria ( sec. XIV; XIX )

La chiesa di Santa Maria del Carmine è un bell’esempio di architettura tardo gotica risalente all’inizio del Trecento; in seguito a gravi manomissioni fu restaurata fra i secoli XIX e XX.

Read all

Santa Maria della Corte (Castellazzo B.da)

Diocesi di Alessandria ( sec. X; XV; XVII )

La chiesa di Santa Maria della Corte in Castellazzo B.da è citata per la prima volta nel 1005. Ad aula unica, è ricostruita nel 1494 a tre navate in stile tardogotico, e nuovamente tra il 1665 e il 1717.

Read all

Santa Maria di Castello (Alessandria)

Diocesi di Alessandria ( sec. XII; XV; XIX )

La chiesa gotico-rinascimentale di Santa Maria di Castello nasce in epoca medievale come edificio “infra castrum”, in posizione centrale nella città precomunale e da sempre le si riconosce antichità e importanza.

Read all

Gothic in Piedmont and Lombardy

Gotico_tra_piemonte_e_lombardia

The new medieval style known as “Gothic” arrived in borderland Piedmont from two different directions. One was France and the other, the most significant, was Lombardy. Nevertheless, with rare exceptions like the French-style apse of San Giovanni in Saluzzo, the Italian model prevailed. The ancient Roman roots of the Romanesque masonry tradition were too deeply entrenched to be supplanted by French structuralism. Gothic in Italy and in Piedmont was more a style used for decoration than for construction, becoming the Romanesque Gothic, whose round arches developed into ogees, while not quite freeing (at least not sufficiently) the walls to make room for great windows. The monuments that express this intelligent Italian compromise are Staffarda, Sant’Andrea in Vercelli, Sant’Antonio di Ranverso, and Chieri Cathedral.

Filter results

clear

© 2013 2022 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl - Informativa privacy