Logo-orizzontale
Facebook Share Twitter Tweet

03 ott - 31 gen Mostre

Caravaggio. Fashion and fabrics

Caravaggio: Fashion & Fabrics

Dal 3 ottobre 2016 fino al 31 gennaio 2017, è aperta a Londra, presso il Museo dell'Ordine di San Giovanni, situato nel quartiere di Clerkenwell, la mostra: Caravaggio: Fashion & Fabrics, a cura di Francesco Gonzales, Tom Foakes e Flavia Fiori. Un progetto realizzato grazie al contributo della Fondazione di Sir Denis Mahon, l’ATL della Provincia di Novara, il progetto Città e Cattedrali (all’interno del progetto di valorizzazione del quadrante Nord –Est MISERERE MEI), la Confartigianato – Novara e la prestigiosa ditta di tessuti Rubelli di Venezia.
Una mostra incentrata sul confronto tra tessuti ed alcuni dipinti di Caravaggio. I preziosi pezzi esposti sono tessuti antichi per la prima volta esposti nel Regno Unito e provenienti dal Museo d’Arte Sacra Mozzetti di Oleggio, da alcune parrocchie della Diocesi di Novara e dalla collezione Rubelli di Venezia. Paramenti sacri: pianete, piviali, veli da calice ed un prezioso abito “scamiciato” ritrovato sotto il simulacro della Madonna del Rosario a Oleggio.
I paramenti in mostra sono realizzati con tessuti contemporanei a quelli descritti da Caravaggio in diverse sue composizioni databili verso la fine del XVI secolo, come I Bari, la Buona Ventura, La Maddalena penitente ed altri, e permettono quasi di “riportare in vita” i dipinti stessi, consentendo allo spettatore di fare confronti visivi tra l’oggetto e la sua rappresentazione pittorica grazie anche al pregevole catalogo edito da Silvana editoriale.
Nell’allestimento i paramenti e i tessuti antichi, a confronto con i Bari già della Collezione Mahon, aiutano il visitatore a comprendere le abilità dell'artista nel catturare la lucentezza del tessuto, il modello della tessitura, e la ricchezza del colore e la foggia delle vesti.
Presso il Museo londinese è conservata una versione de I Bari, riscoperta nel 2006 da Sir Denis Mahon ed identificata, dopo un approfondito studio e ad analisi scientifiche, con una versione precedente al dipinto conservato a Fort Woth, realizzata per il cardinale Del Monte. Il dipinto è stato studiato da importanti storici dell’arte tra cui Mina Gregori, Maurizio Marini, Antonio Paolucci, Daniele Benati, Thomas Schneider, ed altri.
Caravaggio è legato da un rapporto speciale con l'Ordine di San Giovanni. La sua vita turbolenta, l’innovazione stilistica, e il corpus limitato di opere, gli hanno fatto guadagnare una posizione di rilievo nel panorama della storia dell'arte. Anche se mancava la nobile nascita, che era al tempo una condizione indispensabile per l'adesione all’Ordine, egli venne comunque accettato nell'Ordine sulla base della sua reputazione artistica, assicurandosi così commissioni importanti e la protezione dell'Ordine sull'isola di Malta dopo la fuga da Roma a seguito dell’uccisione in duello di Ranuccio Tomassoni.

Il Museo dell'Ordine di San Giovanni di Londra racconta questa storia. Cominciando con le Crociate, e continuando con le rivolte e le rivoluzioni, la guerra e la pace, la storia dell'Ordine attraversa i secoli e mostra come abbia mantenuto il suo ruolo assistenziale sino ai giorni nostri, lavorando in tutto il mondo in numerosi progetti umanitari.

L’inaugurazione della mostra, avvenuta il 3 ottobre, è stata l’occasione per presentare il territorio del Novarese ai numerosi invitati che hanno potuto degustare alcuni piatti tipici della nostra tradizione, sapientemente preparati dallo chef Giampiero Cravero, grazie anche al supporto del Consorzio Tutela del Gorgonzola DOP con sede a Novara.

Il museo è gratuito ed è aperto dalle 10 alle 17.00, dal Lunedi al Sabato; visite guidate si svolgono il martedì, il venerdì e il sabato alle 11 e 14.30. Si prega di consultare il sito per i dettagli: http://museumstjohn.org.uk.

web
http://museumstjohn.org.uk
Luogo

Londra St John’s Gate, St John’s Lane Clerkenwell London, EC1M 4DA

Img_8293

© 2013 2017 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl