Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Cattedrale di San Giusto

Diocesi di Susa ( sec. XI )

a. Piazza S. Giusto, 6 - Susa (TO)

La Basilica, consacrata nel 1027, divenne chiesa abbaziale del monastero benedettino maschile fondato dal marchese di Torino Olderico Manfredi, dalla moglie Berta e dal fratello Alrico, vescovo di Asti, il 9 luglio 1029. Essa è divenuta cattedrale della Diocesi di Susa nel 1772.
Un primo intervento di ampliamento dell’edificio, nel corso del quale esso fu sopraelevato e la facciata della chiesa venne addossata alla cinta muraria cittadina, risale al XII secolo. Un’altra campagna edilizia interessò l’area absidale, ricostruita in forme gotiche a partire dal 1321 a causa del pessimo stato in cui versava durante un periodo di decadenza economica dell’ente. Risale poi alla fine degli anni ‘80 del ‘400 la realizzazione delle guglie gotiche e del coronamento in cotto del campanile e dei pinnacoli della facciata, voluti dal cardinale Guglielmo d’Estouteville, abate commendatario di San Giusto. All’epoca tardobarocca è da assegnare la costruzione di buona parte delle attuali cappelle laterali. La decorazione attuale dell’edificio risale al 1863-1865, quando Edoardo Arborio Mella dispose i lavori volti alla restituzione della facies neogotica.
La facciata ha un profilo a capanna, caratterizzato da un portale lapideo di semplice fattura e da pinnacoli e archetti pensili in laterizio sulla sommità. Il fronte sud della Cattedrale è connotato dalla presenza dell’imponente torre campanaria, coeva alla prima campagna di costruzione dell’edificio. All’esterno sono presenti alcuni cicli affrescati risalenti ai secoli XII-XV: in una lunetta, sfalsata rispetto all’attuale porta laterale, si trova la Crocifissione, mentre sul portale del muro adiacente campeggia lo stemma del cardinale d’Estouteville. Sulla porta d’ingresso posta sulla facciata sud è raffigurata L’entrata di Cristo a Gerusalemme, mentre in corrispondenza del grande arco adiacente sono stati recuperati frammenti raffiguranti scene della Vita di San Mauro e figure di profeti. L’edificio si sviluppa secondo un impianto a tre navate coperte da volte a crociera. La navata centrale si conclude in un’abside semicircolare; quelle laterali si concludono in due cappelle. L’area presbiteriale risulta sopraelevata di alcuni gradini e al di sotto di essa vi è la piccola cripta dei vescovi. Sempre nell’area presbiteriale si colloca il coro, un esemplare rarissimo dell’arte dell’intaglio ligneo trecentesco, costituito da 18 stalli maggiori addossati all’abside e da parte degli stalli minori originari (alcuni sono stati adattati ad inginocchiatoio). Esso presenta sul frontone il tema della caccia mistica, rappresentazione derivata dai bestiari medievali, chiusa all’estremità da un cacciatore e da un angelo che suonano il corno e presenta una fuga di animali, ai quali si frappone una moltitudine di piccole figure mostruose a raffigurare un’allegoria simbolica del discernimento tra il bene e il male.
A ridosso del lato meridionale del transetto si colloca il Battistero, nel quale si trovano un crocifisso ligneo cinquecentesco e la grande vasca battesimale ottagonale risalente al XII secolo, scavata in un solo blocco di marmo verde di Cesana. Sul lato settentrionale del transetto si collocano invece la sacrestia e la sala capitolare, normalmente non visitabili; quest’ultima in particolare conserva l’altare marmoreo del XII secolo, firmato da Pietro da Lione.
Sono numerose le testimonianze d’arte presenti nella Cattedrale: data al tardo ‘400 il Trittico della Madonna col Bambino e i SS. Ugo di Lincoln e di Grenoble posta sull’altare delle reliquie e la grande pala con Storie di San Nicola custodita in sacrestia. Tra i prestigiosi arredi barocchi si citano la pala di Sant’Anna, opera di Guglielmo Caccia detto il Moncalvo, la pala dell’Immacolata Concezione attribuita ad Antonio Maria Viani, le statue dei SS. Pietro e Paolo alla Cappella della Crocifissione (1710) assegnate a Etienne Fodéré. Addossata alla parete della navata meridionale è inoltre da segnalare la statua lignea della Maddalena, che la tradizione locale ha identificato per lungo tempo con la contessa Adelaide di Susa.
Presso il Museo Diocesano di Arte Sacra è esposto il Tesoro della Cattedrale di San Giusto, di cui fanno parte un cofanetto reliquiario di manifattura barbarica (VII secolo), i picchiotti dell’antico portale della Cattedrale (1130 circa), il Trittico del Rocciamelone (1358) e la croce processionale di Johannes Bos (1360 circa).

La patrona principale della Diocesi di Susa è la Madonna del Rocciamelone, festeggiata ogni anno il 5 agosto con una solenne processione che, partendo dal Santuario Diocesano di Mompantero, giunge fino alla Cattedrale. La devozione per la Madonna del Rocciamelone, alla quale è dedicato l’altare posto nella cappella a destra dell’abside, ha origini medievali: essa è infatti legata alla posa sulla vetta del Rocciamelone del Trittico raffigurante la Vergine con il Bambino, S. Giorgio, S. Giovanni Battista e il donatore Bonifacio Roero, fatto realizzare da quest’ultimo a Bruges nel 1358. Sull’altare se ne conserva una copia, mentre l’originale è attualmente esposto al Museo Diocesano di Arte Sacra
Copatrono della Diocesi, e titolare della Cattedrale, è invece san Giusto, monaco dell’abbazia di Novalesa che, secondo la tradizione, fu martirizzato a Oulx dai Saraceni nel X secolo. Le reliquie del santo si conservano presso l’altare maggiore.
Significativo, a livello liturgico, è anche l’antico fonte battesimale posto nel battistero, una grande vasca in oficalce verde di Cesana, risalente al XII secolo e probabilmente proveniente dal Priorato di Santa Maria Maggiore, soppresso e chiuso al culto nel 1749. La forma della vasca è ottagonale: una tradizione risalente ad età apostolica affermava che il numero otto, pari alle persone salvatesi sull’arca di Noè, era allusivo al Battesimo, e per tale motivo si diede preferenza alla forma ottagonale per le vasche battesimali.

Link esterni
Approfondimenti
Lun-Sab 07:00 - 18:30
Dom 07:00 - 19:00

Nei giorni festivi: dalle ore 07.00 alle ore 19.00

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Dom -

Info

cattedrale
Cattedrale di Susa
diocesi
Susa
tipologia edificio
Cattedrali
indirizzo
a. Piazza S. Giusto, 6 - Susa (TO)
tel
0122/622053; 0122622640
mail
museo@centroculturalediocesano.it
web
www.centroculturalediocesa

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
true
didattica
true
accompagnamento
true
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

DOVE DORMIRE NELLE VICINANZE

CENTRO BEATO ROSAZ

VIA MADONNA DELLE GRAZIE 4, SUSA, 10059, TO

CASA PER FERIE

0122622461 centrorosazfms@libero.it

Leggi tutto

CASA PER FERIE SAN FRANCESCO

Piazza San Francesco 3, SUSA, 10059, TO

CASA PER FERIE

0122622548 info@sanfrancescosusa.it

Leggi tutto

COLONIA MARIA AUSILIATRICE

Frazione FENIL 5, SALBERTRAND, 10050, TO

CASA PER FERIE

0122854714 economato@liceaoausiliatrice.it

Leggi tutto

© 2013 2019 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl