Logo-orizzontale
Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Cattedrale di Santa Maria Assunta e San Lorenzo (Tortona)

Diocesi di Tortona ( sec. XVI; XIX )

Piazza Duomo,15057 Tortona Alessandria

La cattedrale di Tortona è intitolata a Santa Maria Assunta e San Lorenzo. La posa della prima pietra avvenne nel 1574 da parte del cardinale tortonese Gian Paolo della Chiesa. Nel 1583 avvenne la solenne consacrazione da parte del vescovo Cesare Gambara, alla presenza della Signora di Tortona, Cristierna di Danimarca. Nella prima metà del Seicento gli interventi sull’edificio cessarono, fino all’episcopato di mons. Carlo Settala, il quale nel 1661 fece costruire la galleria detta “il passetto”, che unisce il palazzo vescovile alla cattedrale. Nella seconda metà dell’Ottocento la facciata fu rifatta su progetto dell’ingegnere Nicolò Bruno: oltre a essere intonacata, venne coronata da un frontone di gusto neoclassico e arricchita in alto, al centro, dalle sculture del Padre Eterno, e nelle due nicchie laterali da quelle del Sacro Cuore e della Vergine. Internamente la cattedrale si presenta divisa in tre navate da due serie di pilastri cruciformi. La navata centrale è coperta da una volta a botte con sottarchi, quelle laterali da piccole volte a crociera. Gli altari perimetrali sono direttamente addossati alle pareti in corrispondenza di ogni campata. Sulle testate delle navate laterali si innestano, a sinistra la sacrestia, a destra il campanile. Il presbiterio è piuttosto allungato ed è rialzato di quattro gradini rispetto al piano dell’aula. Lo storico altare maggiore in marmo del XVIII secolo, conserva l’urna con le reliquie di San Marziano, patrono della Diocesi e per tradizione primo vescovo di Tortona, martirizzato nel 122 d. C. Gli altari della navata destra, in marmi intarsiati, sono databili al XVII secolo e provengono dalla chiesa genovese dei Santi Giacomo e Filippo. Addossato alla parete della prima campata è lo scalone marmoreo di accesso all’Episcopio, il cui parapetto fu realizzato negli anni 1937-40 con i pilastrini della balaustra settecentesca dismessa dal presbiterio senatorio.

L’altare maggiore proviene dal convento domenicano di San Tommaso di Pavia: alla fine del Settecento i Domenicani, costretti ad abbandonare la loro sede in seguito alle politiche di soppressione degli ordini religiosi, offrirono l’altare ai Canonici della Cattedrale di Tortona, che decisero di acquistarlo. Il 29 gennaio 1786 avvenne la solenne consacrazione da parte del vescovo Carlo Maurizio Pejretti; poiché l’acquisto era stato reso possibile grazie al lascito testamentario del suo predecessore, monsignor Andujar, il Capitolo della Cattedrale stabilì di perpetuare la memoria del defunto prelato nella stessa lapide. A sinistra della mensa fu inoltre aggiunto un rilievo in metallo dorato con la sua arme vescovile, mentre a destra venne raffigurata la graticola, simbolo del martirio di San Lorenzo, santo titolare della chiesa insieme all’Assunta. Il paliotto fu modificato attorno al 1872, in occasione delle celebrazioni per il 1800° centenario dell’arrivo di San Marziano a Tortona, quando il vescovo Capelli fece realizzare l’urna per contenere le reliquie del santo patrono, San Marziano. Nella ricorrenza della festività di San Marziano (6 marzo) l’urna viene collocata al centro della navata ed esposta alla devozione.
Nella navata destra l’altare della quinta campata conserva il reliquiario della Santa Croce: fu Monsignor Carlo Settala, vescovo di Tortona dal 1653 al 1682, che fece costruire il grande reliquiario a croce astile, in legno dorato, alto un metro e mezzo, che la sera del venerdì santo ed il giorno di Santa Croce, festa patronale della città di Tortona che ricorre il secondo lunedì di maggio, con somma venerazione e partecipazione di popolo veniva portato in processione e che continua a essere utilizzato per il rito anche ai giorni nostri. Lo stesso altare conserva, sotto la mensa, il reliquiario seicentesco della Santa Fascia della Beata Vergine, con la quale Maria avrebbe sorretto il bimbo Gesù neonato durante la fuga in Egitto.

Link esterni
Approfondimenti
Lun-Dom 08:00 - 12:00 16:00 - 19:00

Servizio di accoglienza ed accompagnamento svolto dai volontari del SIPBC (Società Italiana per la Protezione dei Beni Culturali – Delegazione del Tortonese) secondo calendario presente nel sito della Diocesi di Tortona nella sezione "Chiese Aperte". Possibilità di aperture straordinarie su richiesta per gruppi e scolaresche telefonando dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12,30 al numero dell’Ufficio Beni Culturali 0131.816609.

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Sab 18:00
Dom 08:00 09:00 10:30 12:00 18:00

Info

cattedrale
Cattedrale di Tortona
diocesi
Tortona
tipologia edificio
Cattedrali
indirizzo
Piazza Duomo,15057 Tortona Alessandria
web
www.diocesitortona.it

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
true
didattica
sconosciuto
accompagnamento
true
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

© 2013 2017 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl