Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Cappella di San Bernardo

Diocesi di Cuneo ( sec. XV )

Strada Provinciale 127, Valgrana (CN)

La cappella di San Bernardo si trova ai piedi della collina di Montemale, sul bivio per Bottonasco. Presenta la struttura tipica delle cappelle campestri quattrocentesche con vano quadrangolare coperto da volta a crociera, grandi arconi aperti su tre lati e un porticato antistante all’ingresso. Prima dell’ultimo intervento di restauro, presentava problemi statici e conservativi dovuti alla vicinanza con i canali di irrigazione e al continuo passaggio di mezzi per la coltivazione dei campi; si è dunque provveduto a un completo risanamento, alla creazione della piccola area di sosta attigua alla cappella, al rifacimento delle coperture (è stato conservato colmo del tetto precedente) e al restauro degli affreschi. Nel corso di questo intervento sono stati riaperti i tre grandi arconi (prima tamponati) che hanno riportato alla luce la decorazione dei sottarchi; la chiusura tramite grandi vetrate permette di fruire sempre della decorazione del complesso. La campagna decorativa, databile agli anni Settanta del XV secolo, è riconducibile a Pietro Pocapaglia da Saluzzo, pittore molto apprezzato in tutta l’area cuneese nel corso del Quattrocento e particolarmente attivo in Valle Grana. La decorazione inizia sulla facciata, con l’Annunciazione nella parte alta e due grandi riquadri a lato: Santa Caterina a destra e San Bernardo da Mentone, dedicatario della cappella a sinistra. Nel sottarco d’ingresso Sa Sebastiano e Sant’Antonio Abate. Sulla parete di fondo, seduta su un ricco trono intagliato, è la Madonna con in braccio il Bambino, affiancata nuovamente da San Bernardo e San Giovanni Battista. Particolarmente bella è la volta, che ospita nelle quattro vele – raggruppati a due a due e seduti su sontuosi scranni – gli Evangelisti e i Dottori della Chiesa; essi sono riconoscibili dalle iscrizioni in lettere gotiche dipinte sui leggii e si distinguono per atteggiamenti caratteristici e particolari curiosi, tipici nella produzione di questa bottega, come San Matteo che si è tolto un sandalo e porta alla bocca il pennino, San Marco che tempera la matita o Sant’Ambrogio con piccoli occhiali “pince-nez” calzati sul naso. Gli studiosi del passato hanno proposto di leggere nell’intaglio a forma di “S” che sovrasta i troni della Madonna e di Sant’Ambrogio e Sant’Agostino un richiamo alla casata marchionale dei Saluzzo (sotto il cui dominio cadeva la valle Grana) e in particolare a mons. Carlo Domenico Saluzzo, fratello di Ludovico II e parroco di Valgrana intorno al 1470.

Una caratteristica della decorazione di questa cappella è l’iconografia dell’Annunciazione dipinta in facciata: la scena occupa interamente la zona superiore all’ingresso della cappella. Sulla sinistra l’arcangelo, riccamente abbigliato, tiene in mano il cartiglio con il saluto a Maria, sulla destra la Madonna, umilmente inginocchiata in una camera arredata in maniera “moderna”, con un grande letto con coperta a righe e un arcata a suddividere gli spazi. Nella parte superiore, entro una nuvola multicolore, Dio Padre e davanti al capo di Maria la colomba dello Spirito Santo. Più o meno a metà tra la colomba e Dio Padre, al centro delle due bifore, si scorge una nuvola multicolore più piccola: su di essa era raffigurato un piccolo uomo, nell’atto di scivolare verso Maria con una croce sulle spalle. Questa iconografia, detta dell’”homunculus”, era piuttosto diffusa in epoca medievale e voleva rappresentare l’incarnazione di Cristo, ma venne poi decretata eretica dal Concilio di Trento e per questo cancellata dalle opere d’arte, il che spiega le pesanti abrasioni che ne determinano una difficile lettura.

Link esterni
Approfondimenti
Lun-Dom 00:00 - 23:00

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Info

cattedrale
Cattedrale di Cuneo
diocesi
Cuneo
tipologia edificio
Antiche cappelle
indirizzo
Strada Provinciale 127, Valgrana (CN)

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
sconosciuto
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

© 2013 2018 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl